(1 impressioni)
Individuale
Trekking

Italia

Toscana: Monte Amiata

Borghi medievali e Riserve Naturali: un viaggio nel tempo

da 540 €

8 giorni

da 518 €

Con Sconto Prenota Prima

per partenze successive al 24.07.2019 incluso

Prenota 4 mesi prima e riceverai uno sconto del 4% o l'assicurazione annullamento Globy Giallo inclusa: la più completa, non la solita polizza base!

chiudi X

Cod. IT211

  • Info

    Formula vacanza

    individuale, minimo 2 persone

     

    Data di partenza

    ogni giorno dal 1.05 al 31.10.19

     

    Quota per persona in doppia

    540 €

     

    Comprende

    • 7 pernottamenti con colazione
    • cocktail di benvenuto
    • cena del 7° giorno (bevande escluse)
    • 2 transfer privati in taxi (2° e 3° giorno)
    • materiale informativo
    • assistenza telefonica
    • assicurazione medico-bagaglio

    Non comprende

    • viaggio da/per l’Amiata
    • tutti i pranzi e 6 cene
    • ingressi
    • extra
    • quanto non specificato

    Supplementi

    150 € camera singola
    150 € 6 cene in hotel (tre portate, bevande escluse)
    84 € pranzi al sacco

     

    Documenti

    Carta d’identità in corso di validità.

  • Itinerario

    1° Amiata
    Arrivo in hotel e sistemazione. La struttura, con parcheggio gratuito, è in una posizione strategica per effettuare le escursioni. Cocktail di benvenuto con consegna del programma e delle mappe.

    2° I faggeti e il borgo di Santa Fiora (13 km, 5 ore, facile)
    Oggi vi attende una piacevole camminata nella faggeta più grande d’Europa, fino a Santa Fiora, uno dei borghi più caratteristici del Monte Amiata. Dall’albergo raggiungete con la vostra auto il punto di partenza del sentiero, a 1.400 m. Da qui vi immergete nell’ambiente naturale del Monte Amiata incontrando molti punti di interesse storico come le antiche carbonaie, dove fino al secolo scorso si produceva il carbone, o la Fonte delle Monache, una delle più alte sorgenti naturali dell’Amiata, dove potete fare una piccola pausa. Arrivati a Santa Fiora prendetevi un po’ di tempo per pranzare e per esplorare il delizioso borgo medievale. Consigliamo di chiudere il tour con un bicchiere in una vineria, il caratteristico locale dove gli abitanti del luogo si trovano per passare del tempo in compagnia. Nel pomeriggio transfer in taxi per riprendere l’auto. Rientro in hotel e pernottamento.

    3° La Strada della Castagna (12 km, 4 ore, medio)
    Camminando lungo la Strada della Castagna, tra sorgenti e terreni colti, arriverete ad Arcidosso. In auto raggiungete il punto di partenza del sentiero a 1.400 m, dove parcheggiate. Prima di arrivare alla fascia dei castagni, il percorso attraversa alcuni punti d’interesse come la Madonna del Camicione, una delle rocce vulcaniche più grandi della montagna, e il Pozzo di Catana, probabilmente la più alta sorgente dell’Amiata. Qui suggeriamo una breve pausa prima di scendere verso Castel del Piano. Il cammino regala ampie viste panoramiche sui dintorni: la Val d’Orcia e la Maremma. Incontrate una delle più belle strade della castagna IGP del Monte Amiata, che può essere percorsa solo a piedi. Visitate l’antico seccatoio prima di proseguire per Arcidosso, dove vi attendono per una visita il castello e il centro storico. Nel pomeriggio transfer in taxi per riprendere l’auto. Rientro in hotel e pernottamento.

    4° I Sentieri degli Animali (9 km, 4 ore, impegnativo)
    Oggi è la volta delle riserve naturali: il Parco Faunistico del Monte Amiata, all’interno della Riserva del Monte Labbro, e il centro Tibetano di Merigar. In auto raggiungete il Parco Faunistico del Monte Amiata, visitate la direzione del Parco e le stalle degli animali. Qui vivono infatti anche specie domestiche come i cavalli e l’asinello amiatino, una razza autoctona che ha rischiato l’estinzione. Nel parco è possibile avvistare gli animali selvatici che vivono in completa libertà: caprioli, daini, mufloni, cervi e anche il lupo appenninico. Da qui vi incamminate, seguendo il Sentiero dei Cervi, verso la vetta del Monte Labbro (1.193 m): dalla cima si gode di un panorama magnifico su tutta la vallata. Durante il percorso potrete ammirare paesaggi suggestivi, con una vegetazione scarna che rappresenta l’habitat ottimale per la maggior parte degli endemismi segnalati nell’area. Potrete osservare i numerosi animali che abitano il territorio (117 specie censite di uccelli, 53 specie di mammiferi, 13 di rettili e 10 di anfibi: di questi 76 sono le specie riportate nelle Liste Rosse che indicano le specie vulnerabili e in pericolo d’estinzione).
    Sulla vetta si trovano i resti della Torre Giurisdavidica, un edidicio di culto cotruito agli inizi del Novecento dai seguaci di Daivd lazzaretti, che era chiamato profeta dell’Amiata. Nei giorni sereni la vista si perde fino al mare, con le isole di Montecristo, Elba e Giglio. Con un po’ di fortuna avvistate il Capovaccaio e l’Albanella Reale. Ritorno lungo il Sentiero dei Camosci. Nel pomeriggio rientrate in hotel con la vostra auto e pernottamento.

    5° La Via delle Terme (6 km, 3 ore, medio)
    Oggi vi attendono i borghi di Piancastagnaio, Abbadia San Salvatore e le Terme di Bagni di San Filippo. In auto raggiungete Piancastagnaio, imperdibile centro medievale con castello aldobrandesco e con vista eccezionale sui dintorni. Riprendete quindi l’auto per raggiungere Abbadia San Salvatore, da dove parte il percorso circolare della Cipriana. Il sentiero attraversa castagneti e pinete percorrendo la vecchia strada che collega Abbadia S.S. e Piancastagnaio fino al podere di Cerro del Tasca, per poi arrivare ai ruderi del podere di Montarioso: è la strada che un tempo percorrevano i minatori per andare a lavoro. A Montarioso il bosco si apre in un’ampia radura che lascia scorgere un bellissimo panorama della montagna. Dopo un breve tratto arriverete a Cipriana, da qui inizia la discesa per rientrare ad Abbadia. Suggeriamo il pranzo in un delizioso ristorante tipico e dopo pranzo, una passeggiata nel centro storico con il suo affascinante monastero, fondato, secondo la leggenda, nel 743 d.c. dal re longobardo Ratchis. Suggestiva la cripta, dove fanno mostra 36 colonne, ognuna con un diverso capitello.Nel pomeriggio raggiungerete in auto le terme di Bagni di San Filippo dove potrete visitare le cascate naturali (Fosso Bianco) con le caratteristiche incrostazioni calcaree. Possibilità di fare il bagno nelle acqua termali.
    Nel tardo pomeriggio il rientro in albergo per la cena.

    6° I vini e l'olio dell'Amiata (10 km, 4 ore, medio)
    Escursione lungo le Strade del Vino. La giornata sarà dedicata al territorio di Seggiano, piccolo borgo medievale abbarbicato alle pendici del Monte Amiata. La sua particolare posizione lo rende un luogo estremamente affascinante: cinto dal bosco da un lato, decorato da vigne ed uliveti dall’altro, Seggiano rappresenta uno dei centri del circondario per la produzioni di olii pregiati ed ottimi vini locali. L’escursione ad anello circonda il borgo per salire, nel tratto finale, all’interno del suo piccolo ma pittoresco centro storico. Incontrerete prima i bellissimi castagneti e i piccoli giardini degli abitanti del paese, poi entrerete nella zona dei vigneti e degli oliveti. Segno distintivo di questo percorso sono le particolari viste panoramiche: a destra la cima del vulcano e a sinistra le dolci colline della Val D’Orcia.
    In autunno è possibile assaggiare uva, mele e castagne. Durante il percorso, immersi nei rasserenanti paesaggi dell’Amiata, potreste fermarvi per un pic nic in campagna oppure arrivare fino al borgo per gustare piatti locali in uno dei ristoranti del centro. Prima del rientro, consigliamo il percorso guidato ‘Radici Intelligenti’ che propone una tappa presso il frantoio locale, l’antica cisterna (oggi Museo dell’Olio) e la venerata Chiesa di San Bernardino.
    Il rientro in albergo sarà nel tardo pomeriggio.

    7° La Vetta Amiata (7 km, 2.5 ore, medio)
    Escursione verso la cima del vulcano e visita culturale. Raggiungete con la vostra auto il punto di partenza del sentiero. Da un’altezza di 1.400 m salite verso la Vetta Amiata attraversando la bellissima faggeta. L’ultimo tratto è un po’ più duro, ma ripagato da una vista magnifica. Sulla vetta si trova una croce in ferro alta 22 metri risalente al 1910, molto amata dalla popolazione locale. Nelle giornate limpide è possibile vedere il lago di Bolsena, il lago Trasimeno, le isole dell’arcipelago toscano, le valli della Maremma e le colline del Chianti. Una sosta in una delle tante baite e poi riprendete la via del ritorno. Dopo pranzo possibilità di visitare il Giardino di Daniel Spoerri o il Parco Museo delle Miniere di Abbadia San Salvatore. Rientrate poi in auto in albergo per la cena a base di prodotti locali.

    8° Amiata
    Dopo colazione fine dei servizi.

     

    Per motivi organizzativi o climatici l’itinerario può subire qualche modifica, anche in loco.

     

  • Caratteristiche

    Itinerario: medio-facile (T/E)
    Lunghezza tappe: 6-13 km
    Durata: 2.5-5 ore
    Dislivelli: da +/-100 a +/-300 m
    Terreno: prevalentemente sterrato

    Percorsi di diversa difficoltà nello scenario naturalistico del Monte Amiata. Le tappe sono di media difficoltà, non tanto per la lunghezza quanto per i costanti saliscendi. La maggior parte dei sentieri è circolare. Sono previsti alcuni piccoli spostamenti in auto (max 30 min) per raggiungere il punto di partenza del sentiero. Se il sentiero non è ad anello, è previsto un transfer in taxi al termine della tappa per tornare alla propria auto. Se amate spostarvi a piedi e questa è diventata un’abitudine che apprezzate anche in vacanza, questo trekking è adatto a voi. Ingredienti base per la riuscita della vacanza: un buon equipaggiamento, una dose di intraprendenza e un pizzico di resistenza.

     

    Se camminare a lungo vi aiuta a scaricare le tensioni della routine e una vacanza a piedi è assolutamente necessaria per staccare la spina, questo tipo di viaggio è la risposta ideale. Qualche saliscendi non vi spaventa, ma attira il vostro spirito di avventurieri e i vostri muscoli pronti.

     

  • Come arrivare

    È necessaria la propria auto per alcuni spostamenti dall'hotel ai sentieri.

    Parcheggio gratuito presso l’hotel.

     

  • Pernottamento e pasti

    Hotel 3* alle pendici del Monte Amiata, in camere con servizi privati. Sono incluse 7 colazioni e la cena del 7° giorno (bevande escluse).

     

     

  • Materiale informativo

    All'arrivo in hotel vi attende un cocktail di benvenuto con consegna del materiale. Il personale è inoltre a vostra disposizione per qualsiasi informazione.

     

  • Al vostro fianco

    Per tutta la vacanza avete due numeri da contattare in caso di necessità: il nostro e quello del referente locale.

  • 1 Impressioni di viaggio
    • Donatella

      Vacanza del 01-08 ottobre 2018

      Pubblicazione 14 ottobre 2018

      Una meta un po' fuori dal solito , molto interessante e alla portata anche di chi è un camminatore medio. Ci sono percorsi molto belli da fare in bicicletta nelle faggete
9
1